Little Genius International & Università degli Studi Roma Tre – Scienze della formazione

L’attuale scenario sociale imposto dalla pandemia globale, che ha
colpito non solo le imprese e l’economia, ha inciso profondamente
anche sugli aspetti relativi ai contesti di apprendimento e di istruzione,
accelerando così l’implementazione delle piattaforme online e di nuove
forme di didattica, come la “blended learning” e la didattica a distanza, a fronte
della sospensione di tutte le attività didattiche in presenza.

A livello organizzativo queste tematiche sono state prese in considerazione dal Consiglio del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’ Università degli Studi Roma Tre. Uno degli accordi di collaborazione promosso dal Consiglio è stato l’Agreement con “Little Genius International Spa”, una delle realtà educative più accreditate a livello nazionale e internazionale per il suo impegno costante nella promozione di valori volti a migliorare il proprio impatto sociale sul territorio, a partire dalla struttura completamente ecosostenibile e dal suo impareggiabile stile educativo “ICE” (Infinite Child Evolution), che si impone sugli altri grazie alla combinazione dei più validi e conosciuti metodi di insegnamento.

L’accordo, di durata biennale, è stato presentato al Dipartimento dalla Prof.ssa Amelia Broccoli, ordinario di Pedagogia Generale, e suggerito dalla Prof.ssa Valeria
Caggiano, docente della cattedra di Pedagogia Sociale e del Lavoro,
che collaborerà attivamente per la realizzazione degli obiettivi proposti:
• Monitoraggio continuo della formazione dei docenti;
• Istituzione di un Comitato Scientifico per la promozione di materiali
didattici innovativi;
• Education 4.0.

Tra le attività più significative del progetto di collaborazione risaltano
l’individuazione di “benchmark” e “best practices” in ambito nazionale
ed internazionale, la definizione di opzioni strategiche di sviluppo e di
modelli innovativi inerenti aspetti socio-economici ed ambientali,
l’individuazione di metodologie didattiche “augmented learning” e il loro
impatto sulla società.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *