La Deforestazione costa oltre 5mila milioni di $ l’anno, ecco perchè le foreste dovrebbero essere beni comuni.

  • La deforestazione globale manda ogni anno in fumo – o in polvere – un valore pari a cinque trilioni di dollari, poco più del PIL giapponese e oltre venti volte il fatturato di Amazon.
  • Nonostante negli ultimi cinquanta anni in Amazzonia sia scomparsa un’area grande come la Turchia, solo oggi la politica e l’opinione pubblica sembrano sollevarsi per provare a riparare i danni.
  • Secondo gli scienziati, per ciò che riguarda il Brasile il punto di non ritorno è la distruzione del 20%. Oltre questa soglia, l’equilibrio biologico salta e la rimanente foresta si trasformerà in una sterile savana. Al giorno d’oggi è stato tagliato il 17%.È successo: il mondo si è finalmente accorto di star perdendo le foreste, bene fondamentale dell’umanità. Il 2019 non è iniziato bene. Già ad aprile, il mondo ha assistito impotente alla distruzione della forêt (la “foresta”), ovvero il tetto della cattedrale di Nôtre-Dame a Parigi.La particolare struttura, costruita interamente con circa milletrecento alberi di quercia datati fin dal IX° Secolo, è andata velocemente in fumo per incuria.

    Una concreta metafora sia della deforestazione subita dall’Europa durante il Medioevo, quando il legname diventò raro per lo spazio liberato a favore delle colture, sia del rischio di distruzione che corrono le superstiti foreste del pianeta, per lo più in fiamme.

    Leggi L’articolo…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *