Come inquinavano il pianeta gli antichi Romani?

Se credete che la questione ambientale sia un discorso attuale vi sbagliate di grosso!

A quanto pare anche gli antichi Romani avevano inconsapevolmente iniziato a inquinare il nostro pianeta già più di 2.300 anni fa.

Questo è quello che emerge da uno studio condotto dal Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica francese(Cnrs). Prelevando dei campioni dal Monte Bianco sono state scoperte tracce di Piombo e Antimonio, entrambi metalli pesanti.

I Romani erano soliti estrarre minerali contenenti Piombo per ottenere materiali utili a costruire tubature idrauliche o forgiare monete d’argento. Quest’ultimo veniva separato dal Piombo riscaldando il minerale fino a 1200 gradi centigradi, causando il rilascio di metalli pesanti nell’atmosfera. Purtroppo questo materiale è fra i più difficili da smaltire per l’ambiente e per questo motivo le tracce lasciate sono riscontrabili fino ad oggi.

Leggi l’articolo…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *