Il progetto ”edificio che respira”, primo in Italia per alcune innovazioni introdotte, nasce dal sogno di realizzare una struttura in linea con l’architettura organica e bioclimatica.

L’idea fondante è raggiungere una profonda armonia tra attività antropica e natura, uno spazio per la vita libera, creativa, gioiosa e sociale dell’uomo che si sviluppi con amore, verità e libertà in continuità organica ed ecosostenibile dall’interno all’esterno “ad intra ad extra”.

little_genius_school_roma

Come nasce un edificio che respira

Il cuore del progetto prende spunto dall’osservazione dei processi e dei cicli naturali. La caratteristica comune è il rilascio in ambiente di sostanze utili, totalmente riciclabili, biodegradabili e assolutamente non inquinanti!

Il focus progettuale è il processo chimico naturale della fotosintesi clorofilliana, tramite il quale le piante rilasciano nell’ambiente ossigeno pulito e carboidrati a partire da anidride carbonica e acqua. L’edificio che respira si comporta come una foresta di latifoglie, grazie all’utilizzo di materiali innovativi in ogni componente, rilasciando ossigeno pulito grazie alla radiazione solare. Come una vera e propria pianta, l’edificio che respira è composto di soli materiali naturali con marchio Ecolabel, per eliminare qualsiasi fonte di inquinamento così che ogni suo elemento sia totalmente riutilizzabile e riciclabile nell’ottica «from cradle to cradle» e non «from cradle to grave».

Inoltre è concepito nell’ottica del risparmio energetico, infatti è stato progettato, calcolato e realizzato per rientrare nella classe energetica A.

La scelta del sito
Grotte Portella

Il progetto “edificio che respira” nasce in un sito privilegiato in termini di sostenibilità ambientale, di preziosità paesaggistica e di posizione logistica strategica.

La località Grotte Portella è stata infatti selezionata per soddisfare i severi criteri imposti dall’architettura bioclimatica, oltre che per le sue uniche prerogative in termini di bellezza del contesto e di localizzazione ottimale rispetto ai servizi.

grotte-portella-frascati_little_genius

LA FILOSOFIA COSTRUTTIVA:
I NOSTRI PRINCIPI

Per raggiungere il più possibile i nostri obiettivi abbiamo proceduto seguendo alcuni principi, utili a spiegare le particolarità del progetto:

  • Scelta di un sito sostenibile, analisi microclimatica e ambientale del sito;
  • Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili;
  • Impiego di materiali innovativi, eco-compatibili e riciclabili;
  • Utilizzo di sistemi innovativi per l’involucro architettonico e per la struttura;
  • Sistemi innovativi per il riscaldamento, la ventilazione ed il raffrescamento;

RESTIAMO IN CONTATTO?

Utilizzo di fonti rinnovabili

Nell’edificio si è scelto di applicare l’architettura solare in toto, con l’integrazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura attualmente in corso di autorizzazione. L’obiettivo è di raggiungere un alto livello di autonomia energetica.

Inoltre è stato presentato anche il progetto per la realizzazione di un impianto geotermico per l’utilizzo del calore gratuito della terra e dei corsi di acqua limitrofi.

La scelta bioclimatica

“Per ben disporre una abitazione, occorre avere particolare riguardo per la regione ed il clima dove occorre costruirla” M. Vitruvio Pollione, De Architectura. Grotte Portella si caratterizza per un clima mite e salubre, in un contesto privo di ombreggiamenti che inficino la captazione gratuita di calore.

L’orientamento dell’edificio è stato studiato in maniera da massimizzare la captazione della radiazione solare, del calore e di usufruire della ventilazione ed illuminazione naturale in funzione delle stagioni.

Impiego di materiali innovativi, ecocompatibili e riciclabili

Nell’ottica dell’edificio che respira, sono stati selezionati i materiali in funzione di alcuni parametri fondamentali: l’assenza di tossicità, il dispendio energetico nel ciclo produttivo, la riciclabilità, le caratteristiche dell’isolamento termico, la provenienza geografica, la durabilità, la flessibilità di lavorazione.

Costruire in classe A e utilizzare materiali tossici, come comunemente avviene, significa incrementare le cause di malattie, malessere e discomfort.

Pochi sanno che… l’edifico della nostra scuola è costruito con materiali #fotocatalitici che riducono le sostanze inquinanti e la carica batterica presente nell’ambiente con ovvii benefici per la #salute degli alunni… 

Scarica il dossier EDIFICIO CHE RESPIRA

ECCO GLI EFFETTI DEL SISTEMA

  • effetto antibatterico: vengono eliminati i microrganismi, quali funghi, alghe, muffe o germi, senza l’uso di sostanze chimiche.
  • pulizia estremamente facile: l’acqua forma una sottile pellicola invece di formare goccioline e scalza lo sporco.
  • eliminazione di cattivi odori: gli odori cattivi o molesti e le sostanze tossiche presenti nell’aria – sia in interni che in esterni – vengono neutralizzati.
  • abbattimento di gas industriali e di quelli di scarico delle auto: 1000 m² di ceramica per facciate con Hydrotect puliscono l’aria così efficacemente come 70 latifoglie di medie dimensioni.

Utilizzo di sistemi innovativi per l’involucro architettonico

L’involucro riassume diverse innovazioni, si tratta infatti di una facciata ventilata, isolata con fibra naturale, con un sistema di brise soleil studiato in funzione dell’angolo di incidenza della radiazione solare. L’intero involucro è inoltre ampiamente innovativo per la capacità di realizzare un processo simile alla fotosintesi clorofilliana.

Scarica il dossier EDIFICIO CHE RESPIRA

littlegenius_

Il comportamento sostenibile degli utenti!

Non di secondaria importanza è, in tale contesto, la diffusione di comportamenti e di usi sostenibili da parte degli utenti.

L’edificio che respira si connota come parte attiva e positiva nel bilancio ambientale, così anche i suoi fruitori potranno rendersi parte di tale progetto, quali testimoni della semplicità del rispetto per la natura. Un piccolo esempio di comunità eco-compatibile può essere facilmente ripetuta!

Per le sue peculiarità l’edificio che respira è attualmente in gara per il Concorso Internazionale di Architettura Active.

Sistemi innovativi per il riscaldamento, la ventilazione ed il raffrescamento

L’involucro altamente innovativo con la facciata ventilata, il brise soleil, l’orientamento dell’edificio, il posizionamento delle chiusure trasparenti contribuiscono ad abbattere notevolmente il fabbisogno energetico dell’edificio, incrementando parimenti il comfort per gli utenti ed il benessere.

Ai fini dell’impianto di climatizzazione, si è scelto un sistema a pompa di calore ad elevato rendimento, proprio per l’accoppiamento perfetto con il sistema fotovoltaico in corso di autorizzazione, nell’ottica di comprimere la dipendenza dai combustibili fossili.